Atto di indirizzo quadro per il contratto a tempo determinato (14.02.13)

Atto di indirizzo quadro all’ARAN per la disciplina di alcuni istituti riguardanti il contratto di lavoro a tempo determinato del 14 febbraio 2013.

Sulla base della riforma del mercato del lavoro 2012, del testo unico sul pubblico impiego (d.lgs. 165 del 2001) e del protocollo di intesa sul lavoro pubblico del 3 maggio 2012, in questo atto di 5 pagine del Ministro della Pubblica Amministrazione e Innovazione si pone in evidenza “la primaria esigenza di fornire alle amministrazioni pubbliche una disciplina di riferimento chiara ed omogenea, su alcuni istituti che riguardano il contratto di lavoro a tempo determinato” con il fine della stipulazione di accordo quadro in materia riguardante, a titolo esemplificativo, l’individuazione di limiti quantitativi all’utilizzo del contratto a tempo determinato; l’utilizzo del contratto a-causale in caso, per esempio, di rinnovo o proroga di un contributo finanziario consistente; la deroga agli intervalli in caso di riassunzione a termine e al limite temporale massimo; la definizione di avvisi comuni per la sottoscrizione di un ulteriore contratto a termine oltre i 36 mesi.

Si precisa, infine, che “per quanto riguarda il comparto scuola e quello delle istituzioni di alta formazione artistica e musicale, continuano a trovare applicazione le specifiche disposizioni contrattuali e normative di settore”.

Siti esterni richiamati: SNALS Brindisi e Ministro della Pubblica Amministrazione e Innovazione.

 

 

Parole chiave: , ,