Sentenza del Tribunale di Rovereto sulla somministrazione di lavoro (13.03.12)


Sentenza del Tribunale di Rovereto del 13 marzo 2012
.

Il giudice del lavoro di Rovereto, in una controversia riguardante un contratto di lavoro di somministrazione di lavoro (il lavoratore chiedeva l’accertamento della nullità di tale contratto e delle successive proroghe; la dichiarazione che tra il lavoratore e l’utilizzatore era intercorso un rapporto di lavoro subordinato a tempo indeterminato; l’accertamento e la dichiarazione dell’allontanamento del lavoratore come licenziamento illegittimo con conseguente ordine di reintegro), ha dichiarato che deve intendersi costituito con l’utilizzatore un rapporto a tempo indeterminato in forza della previsione del decreto legislativo 276/03 che sanziona la somministrazione irregolare.

In particolare, il giudice ha riscontrato la genericità delle causali nel contratto a termine (“necessità derivante dalla sostituzione di personale assente”; “necessità dovuta all’esigenza di dedicare una risorsa al reparto di produzione”), accertandone, quindi, l’illegittimità dell’apposizione del termine e delle sue proroghe e la conversione, fissando un risarcimento di sei mensilità ai sensi dell’art. 32, co. 5 della l. 183/10.

Inoltre, con riguardo al profilo del termine decadenziale sollevato dall’utilizzatore, il giudice ha ritenuto infondata l’eccezione con cui si chiedeva la dichiarazione di inammissibilità per mancato rispetto del termine:  in forza del’art. 32, co. 1 bis della legge 183/10, comma introdotto dalla legge 10/11, il giudice ha affermato che “il significato di tale previsione appare all’evidenza quello di posticipare gli effetti della novella legislativa in relazione a tutte le decadenze disposte ex novo dall’articolo 32 del cosiddetto collegato lavoro, visto e considerato che non avrebbe avuto alcun senso posticipare tali effetti solo con riferimento all’impugnazione del  licenziamento, per il quale un termine decadenziale già era fissato dalla precedente normativa (si confronti, in termini, Trib. Milano 4.8.2011)”.

Sito esterno richiamato: CGIL.

 

Parole chiave: , , ,